La Riparazione del Flipper » Giochi da sala dei vecchi tempi » Forum generale sui vecchi giochi da bar


 
Discussione: Restauro tiro Wild Kingdom

 
Benvenuto, Ospite
Impostazioni Ospite
Discussione Archiviata Questa discussione è stata archiviata - le risposte non sono consentite.



Permlink Risposte: 117 - Pagine: 3 [ 1 2 3 | Successiva ] - Ultimo Messaggio: 8-feb-2015 9.14 di alexve
alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Restauro tiro Wild Kingdom
Postato: 22-mar-2014 22.16
Ciao a tutti, oggi ho iniziato a sistemare il tiro elettromeccanico Wild Kingdom e iniziano i primi problemini.....
Vi ricordo che è il primo tiro sul quale lavoro e la mia ignoranza in merito è enorme!!!

il motore dei cosidetti "saltatori" fa un brutto rumore. Ho levato tutta la tavola con il meccanismo e provata sul banco...
Ho letto/capito che il motore viene alimentato da una tensione alternata di 50 v.. Attualmente a disposizione ho solo un trasformatore da 38 v. ma sufficiente a farlo funzionare (anche se un po lento).. con tale alimentazione non si sentono rumori strani, forse semplicemente perchè sottoalimentato...(fin qui sto andando bene?) nei prx gg provo con l'alimentazione corretta.....

Ma a parte questo il problema più grosso che ho rilevato è che l'avvolgimento del motore del punteggio scalda parecchio, anzi moltissimo. Dopo un paio di minuti è quasi bollente, tantè che le spire di rame sono già "imbrunite" e non belle (oro rosso)......
Quesito: si trovano motori di ricambio o non rimare che rifare le spire??? e dove???

Mi sa che nei prx gg avrò altri problemi man mano che avanzo con i lavori.....appena possibile posterò delle foto. Intanto grazie a tutti per i preziosi consigli e suggerimenti!!!

Modificato da: webmaster il 30-mar-2014 21.48
meglioprimo


Messaggi: 2.156
Registrato: 20-11-13
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 23-mar-2014 0.29   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
alexve ha scritto:
Ciao a tutti, oggi ho iniziato a sistemare il tiro elettromeccanico Wild Kingdom e iniziano i primi problemini.....
Vi ricordo che è il primo tiro sul quale lavoro e la mia ignoranza in merito è enorme!!!

il motore dei cosidetti "saltatori" fa un brutto rumore. Ho levato tutta la tavola con il meccanismo e provata sul banco...
Ho letto/capito che il motore viene alimentato da una tensione alternata di 50 v.. Attualmente a disposizione ho solo un trasformatore da 38 v. ma sufficiente a farlo funzionare (anche se un po lento).. con tale alimentazione non si sentono rumori strani, forse semplicemente perchè sottoalimentato...(fin qui sto andando bene?) nei prx gg provo con l'alimentazione corretta.....

Ma a parte questo il problema più grosso che ho rilevato è che l'avvolgimento del motore del punteggio scalda parecchio, anzi moltissimo. Dopo un paio di minuti è quasi bollente, tantè che le spire di rame sono già "imbrunite" e non belle (oro rosso)......
Quesito: si trovano motori di ricambio o non rimare che rifare le spire??? e dove???

Mi sa che nei prx gg avrò altri problemi man mano che avanzo con i lavori.....appena possibile posterò delle foto. Intanto grazie a tutti per i preziosi consigli e suggerimenti!!!


NON PUO' ESSERE CHE UN MOTORE SI GUASTI, ***NON ESISTE UN MOTORE BRUCIATO***, CHIEDI IN GIRO PER CONFERMA E VEDRAI COSA TI RISPONDONO SUI MOTORI

Posta una foto nitida del motore e se ti riesce conta i denti di ogni ingranaggio compreso il rotore e relaziona, forse posso aiutarti. Per rifare un motore non è un grosso problema, dovrai comunque smontartelo pezzo per pezzo e portare solo l'avvolgimento a chi riavvolge i motori elettrici, di che parte d'Italia sei? Però il problema non è tanto l'avvolgimento ma il perchè si è bruciato, questi motori avevano un problema nelle sedi degli alberi degl'ingranaggi che si "allargavano" l'ingranaggio prendeva gioco e si "incastrava" col suo accoppiato perciò il motore si bloccava e l'avvolgimento faceva "fumo" poi c'è ne è stata una serie che aveva un ingranaggio in FIBRA e in questi si consumavano i denti perciò anche questi si bloccavano. Però vediamo le foto prima di fasciarci la testa.
Per quanto riguarda il trasformatore ci sarà il suo originale nel tiro?, segnati tutti i collegamenti esistenti, poi li stacchi, porti due fili volanti dall'uscita 50V al motore e fai la prova che vuoi. Altrimenti lascia attaccati tutti i fili, togli i fusibili e coi fili volanti vai al motore
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 23-mar-2014 13.43   in risposta a: meglioprimo in risposta a: meglioprimo
meglioprimo ha scritto:
alexve ha scritto:
Ciao a tutti, oggi ho iniziato a sistemare il tiro elettromeccanico Wild Kingdom e iniziano i primi problemini.....
Vi ricordo che è il primo tiro sul quale lavoro e la mia ignoranza in merito è enorme!!!

il motore dei cosidetti "saltatori" fa un brutto rumore. Ho levato tutta la tavola con il meccanismo e provata sul banco...
Ho letto/capito che il motore viene alimentato da una tensione alternata di 50 v.. Attualmente a disposizione ho solo un trasformatore da 38 v. ma sufficiente a farlo funzionare (anche se un po lento).. con tale alimentazione non si sentono rumori strani, forse semplicemente perchè sottoalimentato...(fin qui sto andando bene?) nei prx gg provo con l'alimentazione corretta.....

Ma a parte questo il problema più grosso che ho rilevato è che l'avvolgimento del motore del punteggio scalda parecchio, anzi moltissimo. Dopo un paio di minuti è quasi bollente, tantè che le spire di rame sono già "imbrunite" e non belle (oro rosso)......
Quesito: si trovano motori di ricambio o non rimare che rifare le spire??? e dove???

Mi sa che nei prx gg avrò altri problemi man mano che avanzo con i lavori.....appena possibile posterò delle foto. Intanto grazie a tutti per i preziosi consigli e suggerimenti!!!

NON PUO' ESSERE CHE UN MOTORE SI GUASTI, ***NON ESISTE UN MOTORE BRUCIATO***, CHIEDI IN GIRO PER CONFERMA E VEDRAI COSA TI RISPONDONO SUI MOTORI

Posta una foto nitida del motore e se ti riesce conta i denti di ogni ingranaggio compreso il rotore e relaziona, forse posso aiutarti. Per rifare un motore non è un grosso problema, dovrai comunque smontartelo pezzo per pezzo e portare solo l'avvolgimento a chi riavvolge i motori elettrici, di che parte d'Italia sei? Però il problema non è tanto l'avvolgimento ma il perchè si è bruciato, questi motori avevano un problema nelle sedi degli alberi degli ingranaggi che si "allargavano" l'ingranaggio prendeva gioco e si "incastrava" col suo accoppiato perciò il motore si bloccava e l'avvolgimento faceva "fumo" poi c'è ne è stata una serie che aveva un ingranaggio in FIBRA

Questo ingranaggio di fibra mi ricorda un particolare che credo sia comune a tutti i motorini dei flipper, ma il controllo dovete farlo voi che avete un flipper in casa, mi sembra ricordare che tutti i motorini dei flipper avessero un ingranaggio di fibra ed esattamente l'ingranaggio che va direttamente a ingranarsi all'alberino principale che è all'interno del rotore motore,mi ero sempre chiesto il perchè di questa scelta nel mettere l'ingranaggi di fibra e non metallico come gli altri, nell'impossibilità di averne la certezza che soltanto il progettatore sapeva il motivo esatto, ho pensato che fosse stato messo per motivi di SILENZIOSITA' intesa come che la fibra non trasmettesse le vibrazioni che il motorino girando potrebbe dare a tutta la carcassa supporto e ruota che strofina le lamelle.
Altri motivi non ne ho potuto pensare ma mai ho trovato uno di questi ingranaggi in fibra consumati, solitamente gli americani nel flipper hanno sempre saputo quali materiali usare per evitare guasti ricorrenti, poi naturalmente tutto si guasta e ,nei tiri in particolare, alcuni motorini che davano movimento alla scena , giravano sempre quando il tiro era acceso anche se non giocava, bene o male anche le boccole pur essendo bassi i giri, alla lunga potevano ovalizzarsi e se accadeva , i denti non lavoravano più regolarmente ma potevano accavallarsi bloccando il motore,
i motori a servizio continuo possono girare in eterno anche scaldando molto la bobina regolarmente, ma se il motore si bloccasse, ecco che la bobina scalderebbe ancora di più fino a bruciarsi.
A ripensarci bene credo che gli unici guasti che ricordo ai motorini siano quelli di cui ha parlato Meglioprimo e a cui neppure più ricordavo, la rottura di quella rondella sottile in acciaio che sta nell'alberino principale del motore , quell'alberino in cui gira il rotore vero e proprio , rondellina che sopporta l'urto del rotore che quando eccitata la bobina, richiamato in alto per ingranarsi all'alberino, batte e forza verso la boccola superiore, appunto la rondellina era messa li per stare tra ingranaggino albero e boccola ottone, la rondellina salvava sia ingranaggino principale motore e boccola.
Controlla per curiosità un motore flipper e vedi se esiste in tutti questo ingranaggio fibra, se c'è in tutti, ciascuno pensi al perchè è stato messo

e in questi si consumavano i denti perciò anche questi si bloccavano. Però vediamo le foto prima di fasciarci la testa.

Per quanto riguarda il trasformatore ci sarà il suo originale nel tiro?, segnati tutti i collegamenti esistenti, poi li stacchi, porti due fili volanti dall'uscita 50V al motore e fai la prova che vuoi. Altrimenti lascia attaccati tutti i fili, togli i fusibili e coi fili volanti vai al motore
meglioprimo


Messaggi: 2.156
Registrato: 20-11-13
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 23-mar-2014 14.50   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
ilsognodiunavita ha scritto:
meglioprimo ha scritto:
alexve ha scritto:
Ciao a tutti, oggi ho iniziato a sistemare il tiro elettromeccanico Wild Kingdom e iniziano i primi problemini.....
Vi ricordo che è il primo tiro sul quale lavoro e la mia ignoranza in merito è enorme!!!

il motore dei cosidetti "saltatori" fa un brutto rumore. Ho levato tutta la tavola con il meccanismo e provata sul banco...
Ho letto/capito che il motore viene alimentato da una tensione alternata di 50 v.. Attualmente a disposizione ho solo un trasformatore da 38 v. ma sufficiente a farlo funzionare (anche se un po lento).. con tale alimentazione non si sentono rumori strani, forse semplicemente perchè sottoalimentato...(fin qui sto andando bene?) nei prx gg provo con l'alimentazione corretta.....

Ma a parte questo il problema più grosso che ho rilevato è che l'avvolgimento del motore del punteggio scalda parecchio, anzi moltissimo. Dopo un paio di minuti è quasi bollente, tantè che le spire di rame sono già "imbrunite" e non belle (oro rosso)......
Quesito: si trovano motori di ricambio o non rimare che rifare le spire??? e dove???

Mi sa che nei prx gg avrò altri problemi man mano che avanzo con i lavori.....appena possibile posterò delle foto. Intanto grazie a tutti per i preziosi consigli e suggerimenti!!!

NON PUO' ESSERE CHE UN MOTORE SI GUASTI, ***NON ESISTE UN MOTORE BRUCIATO***, CHIEDI IN GIRO PER CONFERMA E VEDRAI COSA TI RISPONDONO SUI MOTORI

Posta una foto nitida del motore e se ti riesce conta i denti di ogni ingranaggio compreso il rotore e relaziona, forse posso aiutarti. Per rifare un motore non è un grosso problema, dovrai comunque smontartelo pezzo per pezzo e portare solo l'avvolgimento a chi riavvolge i motori elettrici, di che parte d'Italia sei? Però il problema non è tanto l'avvolgimento ma il perchè si è bruciato, questi motori avevano un problema nelle sedi degli alberi degli ingranaggi che si "allargavano" l'ingranaggio prendeva gioco e si "incastrava" col suo accoppiato perciò il motore si bloccava e l'avvolgimento faceva "fumo" poi c'è ne è stata una serie che aveva un ingranaggio in FIBRA

Questo ingranaggio di fibra mi ricorda un particolare che credo sia comune a tutti i motorini dei flipper, ma il controllo dovete farlo voi che avete un flipper in casa, mi sembra ricordare che tutti i motorini dei flipper avessero un ingranaggio di fibra ed esattamente l'ingranaggio che va direttamente a ingranarsi all'alberino principale che è all'interno del rotore motore,mi ero sempre chiesto il perchè di questa scelta nel mettere l'ingranaggi di fibra e non metallico come gli altri, nell'impossibilità di averne la certezza che soltanto il progettatore sapeva il motivo esatto, ho pensato che fosse stato messo per motivi di SILENZIOSITA' intesa come che la fibra non trasmettesse le vibrazioni che il motorino girando potrebbe dare a tutta la carcassa supporto e ruota che strofina le lamelle.
Altri motivi non ne ho potuto pensare ma mai ho trovato uno di questi ingranaggi in fibra consumati, solitamente gli americani nel flipper hanno sempre saputo quali materiali usare per evitare guasti ricorrenti, poi naturalmente tutto si guasta e ,nei tiri in particolare, alcuni motorini che davano movimento alla scena , giravano sempre quando il tiro era acceso anche se non giocava, bene o male anche le boccole pur essendo bassi i giri, alla lunga potevano ovalizzarsi e se accadeva , i denti non lavoravano più regolarmente ma potevano accavallarsi bloccando il motore,
i motori a servizio continuo possono girare in eterno anche scaldando molto la bobina regolarmente, ma se il motore si bloccasse, ecco che la bobina scalderebbe ancora di più fino a bruciarsi.
A ripensarci bene credo che gli unici guasti che ricordo ai motorini siano quelli di cui ha parlato Meglioprimo e a cui neppure più ricordavo, la rottura di quella rondella sottile in acciaio che sta nell'alberino principale del motore , quell'alberino in cui gira il rotore vero e proprio , rondellina che sopporta l'urto del rotore che quando eccitata la bobina, richiamato in alto per ingranarsi all'alberino, batte e forza verso la boccola superiore, appunto la rondellina era messa li per stare tra ingranaggino albero e boccola ottone, la rondellina salvava sia ingranaggino principale motore e boccola.
Controlla per curiosità un motore flipper e vedi se esiste in tutti questo ingranaggio fibra, se c'è in tutti, ciascuno pensi al perchè è stato messo
Uno dei perchè c'era l'ingranaggio in fibra e nella PRIMA posizione di accoppiamento è : siccome l'albero motore ha in testa l'ingranaggio in OTTONE in quanto non è ricavato dall'albero ma è calettato sullo stesso e viene fatto in ottone per due motivi uno perchè l'albero motore ha delle microrighe per impedire che l'ingranaggio giri a vuoto pertanto se fosse dello stesso materiale dell'albero e dovendo avere un foro di qualche centesimo di mm inferiore al diametro dell'albero per diventare solidale con l'albero stesso quando si pressa per introdurlo sarebbero le microrighe a schiacciarsi perchè meno resistenti del pieno perciò l'ingranaggio dopo un pò girerebbe a vuoto, essendo invece l'ingranaggio di materiale più "tenero" viene inciso dalle microrighe e si caletta perfettamente l'altro motivo è l'ottone si scalda con meno temperatura dell'acciaio perciò intenerisce e facilita l'introduzione rigandosi.
Altro motivo, ma marginale in questo caso, l'ottone per ingranaggi è sinterizzato, viene aggiunto un lubrificante nella fase di pressatura, pertanto è leggermente autolibrificante rispetto all'acciaio.
Siccome l'ottone è più soggetto a usura dell'acciaio e dovendo anche nel nostro caso alzarsi per inserirsi all'interno del dentino nel momento che gli arriva tensione, avendo però anche un impulso di rotazione, si consumerebbe immediatamente e il motore sarebbe da buttare, trovando invece l'ingranaggio in fibra, che tra l'altro NON HA DILATAZIONI PERCETTIBILI, non è soggetto a usura pertanto quello in fibra è l'ingranaggio di sacrificio, se si sgrana è molto semplice da cambiare ( e io di questi ne ho cambiato parecchi anche perchè il motoriduttore è molto potente se proporzionato all'avvolgimento, parte con un ingranaggio piccolissimo mentre l'ultimo è molto grande quindi RIDUZIONE IMPORTANTE DEL NUMERO DEI GIRI, se un piccolo frammento della fibra rimane in mezzo ai denti perde la tolleranza e si sgrana.) Se guardi a questo ingranaggio ne vedrai parecchi che hanno lo spigolo inferiore dei denti leggermente smussati, se c'è grasso fra l'ingranaggio motore e l'ingranaggio di fibra i detriti si attaccano e il motore si blocca
alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 23-mar-2014 15.53   in risposta a: meglioprimo in risposta a: meglioprimo
Allegato foto0294.jpg (388.8 KB)
Allegato foto0293.jpg (377.7 KB)
Allegato foto0291.jpg (421.8 KB)
Allegato foto0290.jpg (462.7 KB)
Eccomi, innanzitutto grazie ad entrambi per la velocità e professionalità nelle risposte!
Io ho solo da un paio d'anni esperienze su flipper elettronici dot/matrix ma di elettromeccanici o peggio ancora di tiro ZERO!!! per me è tutto nuovo .
ritornando al wild kingdom al momento ho trovato due problemi, ma chissà quanti altri ne troverò e mi scuso già in anticipo per cose che a voi possono sembrare logiche ma per me non lo sono:
1^ l'avvolgimento del motore segnapunti scalda tantissimo... (vedi foto) in questo caso che si dovrebbe fare?
2^ il motore dei saltatori "grida". Ho seguito il Vs., sconsiglio e l'ho smontato dal suo alloggiamento e dalle relative catene di trascinamento... ora lo provo su banco lavoro (mi son procurato un piccolo trasformatore da 55 v in uscita ovviamente in a.c.) Vi aggiornerò su questo secondo punto....

metto le foto fatte con il cellulare del motore/avvolgimento del punteggio... a me sembra "biscottato!!!". (spero sufficientemente chiare....)

Grazie.

Alexve

(ps sono di Venezia)

ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 23-mar-2014 17.33   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
I motori scaldano fino a raggiungere la loro temperatura di lavoro che può essere anche abbastanza alta e il filo spesso scuro è il suo colore della vernice isolante, dalle foto si vede male lo stato degli avvolgimenti
alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 23-mar-2014 18.08   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
io ho fatto un raffronto tra l'avvolgimento posto a sinistra e relativo al conteggio degli spari fatti, avvolgimento bello dorato, tipico del rame, anche se trattato con vernice isolante. L'altro posto a destra relativo al conteggio dei punti fatti, è bruciacchiato forse perchè ha raggiunto temperature più elevate rispetto all'altro....Infatti scalda molto... ma se mi dici che può essere normale lo tengo così e lo monitoro....

Una foto ancor più dettagliata potrebbe servire? ps prima del prx week non ho il wild a portata di mano,,,

intanto grazie!

ora vado avanti con il motore dei saltatori....

alexve

ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 23-mar-2014 19.09   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
alexve ha scritto:
io ho fatto un raffronto tra l'avvolgimento posto a sinistra e relativo al conteggio degli spari fatti, avvolgimento bello dorato, tipico del rame, anche se trattato con vernice isolante. L'altro posto a destra relativo al conteggio dei punti fatti, è bruciacchiato forse perchè ha raggiunto temperature più elevate rispetto all'altro....Infatti scalda molto... ma se mi dici che può essere normale lo tengo così e lo monitoro....
purtroppo sia la temperatura al tatto che il colore a vista puoi vederlo e giudicarlo soltanto tu, il fatto che i due avvolgimenti siano di colore differente , se sono statti fatti assieme, non è normale ma sono prove che farai tu, naturalmente se i due motori girano entrambi e dopo lo stesso tempo un motore è fresco e l'altro rovente, non è regolare, potrebbe anche essere che quello delle ruote giri con uno sforzo basso mentre l'altro che è cotto sia sotto sforzo per il lavoro che fa, allora scalderebbe di più ma se lo tocchi e ti bruci potrebbe non essere regolare, magari Meglioprimo ricorda ancora questi motori dei tiri e sarà molto più preciso,

Una foto ancor più dettagliata potrebbe servire? ps prima del prx week non ho il wild a portata di mano,,,

intanto grazie!

ora vado avanti con il motore dei saltatori....

alexve

ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 23-mar-2014 19.10   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
certo a guardarli bene uno sembra abbrustolito mentre l'altro è miele
meglioprimo


Messaggi: 2.156
Registrato: 20-11-13
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 23-mar-2014 21.42   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
ilsognodiunavita ha scritto:
alexve ha scritto:
io ho fatto un raffronto tra l'avvolgimento posto a sinistra e relativo al conteggio degli spari fatti, avvolgimento bello dorato, tipico del rame, anche se trattato con vernice isolante. L'altro posto a destra relativo al conteggio dei punti fatti, è bruciacchiato forse perchè ha raggiunto temperature più elevate rispetto all'altro....Infatti scalda molto... ma se mi dici che può essere normale lo tengo così e lo monitoro....
purtroppo sia la temperatura al tatto che il colore a vista puoi vederlo e giudicarlo soltanto tu, il fatto che i due avvolgimenti siano di colore differente , se sono statti fatti assieme, non è normale ma sono prove che farai tu, naturalmente se i due motori girano entrambi e dopo lo stesso tempo un motore è fresco e l'altro rovente, non è regolare, potrebbe anche essere che quello delle ruote giri con uno sforzo basso mentre l'altro che è cotto sia sotto sforzo per il lavoro che fa, allora scalderebbe di più ma se lo tocchi e ti bruci potrebbe non essere regolare, magari Meglioprimo ricorda ancora questi motori dei tiri e sarà molto più preciso,

Una foto ancor più dettagliata potrebbe servire? ps prima del prx week non ho il wild a portata di mano,,,

intanto grazie!

ora vado avanti con il motore dei saltatori....

alexve


una foto più panoramica non guasterebbe, fatta in modo che si veda tutto l'accoppiamento e il movimento. Da quello che noto sembra che il motore di destra sia disassato rispetto all'asse delle ruote, hai controllato che i 4 gommini che fanno da ammortizzatori non sia secchi e bloccati fra supporto e base motore, il giunto di nylon deve essere libero ma non disassato. però potrebbe essere anche solo un'illusione ottica. Ricordo alcuni motori dei tiri ma non tutti, questo in particolare visto così non mi dice niente. Qui non ho capito se sono 2 motori perchè devono fare 2 funzioni diverse o se è un doppio motore perchè deve fare l'inversione anche se mi sembra strana l'inversione in quanto fa girare delle ruote che non so se segnapunti o segnatempo. Aspettiamo le foto
alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 24-mar-2014 13.05   in risposta a: meglioprimo in risposta a: meglioprimo
Allegato foto0302.jpg (427.6 KB)
Allegato foto0301.jpg (416.3 KB)
Allegato foto0296.jpg (378.1 KB)
Allegato foto0295.jpg (306.0 KB)
Ecco, come preannunciato mi son fatto coraggio ed ho smontato il motoriduttore dei saltatori (non quello con avvolgimento bruciacchiato) nonché la catena e tutto il marchingegno collegato.

A questo punto con il blocco del motoriduttore in mano . .l?ho pulito per bene, ingranaggio per ingranaggio (ma senza aprirlo), lucidato, leggermente lubrificato (WD40 spero di non aver sbagliato) e poi finalmente collegato ad un trasformatore di alimentazione e 55 v. E NON FA Più ALCUN RUMORE O STRIDIO!! Bene, son contento? nel prx fine settimana lo riassemblo nel circuito complessivo. Sono quasi certo di aver risolto? vedrò anche di cambiare i gommini ammortizzatori induriti (immagino che servono per non trasmettere le vibrazioni al piano metallico di sostegno che farebbe da cassa di amplificazione.

Per quanto concerne il motore con avvolgimento bruciacchiato (quello che muove le ruote del punteggio) posso dire che nella fase di rotazione è effettivamente un po? disassato?.di gommini non sapevo manco l?esistenza!!! Sabato ci do una occhiata e magari faccio delle foto più serie e complessive con la macchina fotografica.

Intanto grazie a tutti e avanti con il restauro/riparazione?.


alexve

meglioprimo


Messaggi: 2.156
Registrato: 20-11-13
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 24-mar-2014 19.09   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
alexve ha scritto:
Ecco, come preannunciato mi son fatto coraggio ed ho smontato il motoriduttore dei saltatori (non quello con avvolgimento bruciacchiato) nonché la catena e tutto il marchingegno collegato.

A questo punto con il blocco del motoriduttore in mano . .l’ho pulito per bene, ingranaggio per ingranaggio (ma senza aprirlo), lucidato, leggermente lubrificato (WD40 spero di non aver sbagliato) e poi finalmente collegato ad un trasformatore di alimentazione e 55 v. E NON FA Più ALCUN RUMORE O STRIDIO!! Bene, son contento… nel prx fine settimana lo riassemblo nel circuito complessivo. Sono quasi certo di aver risolto… vedrò anche di cambiare i gommini ammortizzatori induriti (immagino che servono per non trasmettere le vibrazioni al piano metallico di sostegno che farebbe da cassa di amplificazione.

Per quanto concerne il motore con avvolgimento bruciacchiato (quello che muove le ruote del punteggio) posso dire che nella fase di rotazione è effettivamente un po’ disassato….di gommini non sapevo manco l’esistenza!!! Sabato ci do una occhiata e magari faccio delle foto più serie e complessive con la macchina fotografica.

Intanto grazie a tutti e avanti con il restauro/riparazione….


Perfetto, il WD40 va benissimo è un ottimo prodotto per pulire, togliere umidità, però non è perfetto per lubrificare, toglie i cigolii è vero ma non lubrica anzi col tempo asciuga totalmente la parte dove è stato usato pertanto sugli ingranaggi andrebbe messo un pò di GRASSO FILANTE, esiste anche in bombolette spray di diverse marche, LA SUA CARATTERISTICA PRINCIPALE è CHE NON FA SPESSORE inoltre è adesivo e la parte trattata rimane lubrificata nel tempo, ne basta pochissimo. NON DEVI ASSOLUTAMENTE DARLO SULL'INGRANAGGIO DI FIBRA CHE E' ACCOPPIATO AL ROTORE. mentre in tutti gli altri è un toccasana ( non so se hai letto il post dove ho spiegato il motoriduttore, se non lo hai fatto....leggilo per capire perchè NON DEVI INGRASSARE QUELL'INGRANAGGIO. Dovresti anche procurarti un tubettino di grasso di VASELINA, è perfetto per i contatti striscianti dei circuiti stampati perchè NON è isolante, ( quello della foto per intenderci) elimina l'attrito con il "ragno" dove ci sono i contatti.
I GOMMINI hanno la funzione di ammortizzatori quindi sia per lo smorzamento della trasmissione del suono che per l'accoppiamento fra motore e parti rotanti perchè se fosse un " accoppiamento rigido" sarebbe soggetto a rotture continue.
Mi sa che hai fatto un grosso affare comprando questo tiro, ha ancora una meccanica nuovissima.....complimenti.

alexve

alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 24-mar-2014 21.46   in risposta a: meglioprimo in risposta a: meglioprimo
Ok Meglioprimo, letto bene il discorso degli ingranaggi.
In casa ho un tubo di grasso di vaselina tecnica della CFG, penso possa andar bene per i contatti del ragno e simili, e alla prima occasione compro il grasso filante per gli ingranaggi (ma non per quello in fibra per i motivo da te ben spiegati).

Appena possibile guarderò i gommini (mi sembrano quelli delle bobine dei flipper) e le relative misure.. Avendo oltre 40 anni è normale che li troverò rinsecchiti...

Vi aggiorno man mano e magari posterò altre foto anche del tiro nel suo complesso...

Ciao e grazie!

alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 30-mar-2014 11.57   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
buon giorno, ecco le foto .. mi son anche rifatto coraggio ed ho tirato giù tutto il motore....l'ho provato fuori del circuito alimentandolo con 50 v. in un senso va bene nell altro fa un po rumore....
i gommini sono piuttosto secchi.... si trovano? visto che sono rivettati in centro....

grazie....

meglioprimo


Messaggi: 2.156
Registrato: 20-11-13
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 30-mar-2014 16.57   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
alexve ha scritto:
buon giorno, ecco le foto .. mi son anche rifatto coraggio ed ho tirato giù tutto il motore....l'ho provato fuori del circuito alimentandolo con 50 v. in un senso va bene nell altro fa un po rumore....
i gommini sono piuttosto secchi.... si trovano? visto che sono rivettati in centro....

grazie....

Purtroppo non vedo ombra di foto, controlla se effettivamente le hai postate
Ciao
alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 30-mar-2014 19.49   in risposta a: meglioprimo in risposta a: meglioprimo
scusate è vero.. forse son troppo pesanti... ora le riduco e provo ad allegarle...
alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 30-mar-2014 20.35   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
eccole... avrei altre 100 domande... ma gentilmente guardate le foto e ditemi le vs. impressioni...

grz

alexve

ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 30-mar-2014 21.48   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
tutte mi danno errore all'apertura
webmaster


Messaggi: 13.517
Registrato: 23-08-07
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 30-mar-2014 21.56   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
Se ricordo bene, questi tiri hanno il motore dei punti che gira sempre e per dare i punti comandano un attuatore che tramite una camma permette alle ruote dei punti di avanzare di un certo numero di posizioni (cioè non ci sono come nei flipper elettromeccanici dei solenoidi che fanno avanzare la ruota di un passo ad ogni impulso). Questo implica che sia del tutto normale che il motore dei punti scaldi e sia abbrustolita, visto che è a servizio continuo per tutta la durata della partita. Io non mi preoccuperei, ma se il gioco non è a tempo (ma piuttosto a numero di colpi, come di solito è) in tal caso non lasciare il gioco acceso per lungo tempo con una partita in corso.

Ciao,
R.
alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 30-mar-2014 22.55   in risposta a: webmaster in risposta a: webmaster
io le foto le vedo e anche Webmaster a quanto sembra.
Si confermo è come dici tu, i motori girano sempre durante il gioco, cmq era anche disassato, con gommini rigidi... ma si trovano? visto che all'interno degli stessi ci sono degli occhielli....
se decidessi di sostituire gli avvolgimenti bruciacchiati dovrei smontare il pacco lamellare del motore e poi rifare l'avvolgimento con numero di spire equivalenti e con stesso diametro di filo isolato/verniciato?

grz..
alexve

webmaster


Messaggi: 13.517
Registrato: 23-08-07
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 30-mar-2014 23.36   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
Si le foto le vedo.
Ascolta un consiglio... se il motore funziona io non farei nulla. Se proprio sei preoccupato perchè scalda puoi aggiungere una ventola di raffreddamento (quelle degli alimentatori dei computer, per internderci) è una modfica non invasiva che un domani si può facilmente rimuovere.

Ciao,
R.
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 10.09   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
alexve ha scritto:
io le foto le vedo e anche Webmaster a quanto sembra.
Si confermo è come dici tu, i motori girano sempre durante il gioco, cmq era anche disassato, con gommini rigidi... ma si trovano? visto che all'interno degli stessi ci sono degli occhielli....
se decidessi di sostituire gli avvolgimenti bruciacchiati dovrei smontare il pacco lamellare del motore e poi rifare l'avvolgimento con numero di spire equivalenti e con stesso diametro di filo isolato/verniciato?
Il rischio che si corre quando brucia la bobina di un motore è quello di doverlo smontare spacchettare e riavvolgere la bobina con stesso numero di spire della stessa sezione, è triboloso ma se bruciato andrà fatto, perchè cambiare la ruota prima di bucare, se brucerà lo farai poi non a priori tribolando per nulla, chissà quanto ha girato nei bar con la bobina già abbronzata , ora a casa tua sarà un solletico confronto di quando lavorava, credo sia giusto il consiglio di lasciarlo perdere e magari aggiungere la ventola consigliata che male non gli fa mai

grz..
alexve

alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 12.43   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
Grazie a tutti per i preziosi suggerimenti.. farò così: una bella pulizia, ingrassaggio e semplice riassetto estetico della bobina e poi lo rimonto su.
Si, effettivamente a casa verrà fatto un uso veramente occasionale e non continuativo!!!

Ps dei gommini sapete se di trovano in vendita? e devono essere occhiellati/rivettati... il rumore verrebbe piuttosto amplificato se diretto sul legno o con gommini non passanti da parte a parte ed all'interno del foto di sostegno e quello mi darebbe un po di fastidio.....

grz

alexve

webmaster


Messaggi: 13.517
Registrato: 23-08-07
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 12.47   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
se parli dei gommini che stanno tra il motore e il pannello a cui è fissato, puoi anche fregartene non credo sentirai grande differenza.
se proprio ci vuoi mettere qualcosa puoi comprare un po' di quei gommini da flipper che si usano sui post metallici, non ricordo la dimensione
ma sono i più piccoli che esistono, e sono perfetti per questo uso

ciao,
R.
alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 12.59   in risposta a: webmaster in risposta a: webmaster
Si si intendevo proprio questi... forse anche ne ho.. o li prendo dal tedesco...

grazie.

ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 13.53   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
resized_IMG_0879.jpg (211,4 KB)

mi incuriosisce la foto del link sopra, il motore è composto da un gruppo ingranaggi ma le bobine in realtà sono due, se guardi il pacco lamellare, si vede in un pacco una spira di filo di rame grosso ma non la vedo nel pacco lamellare dell'altro avvolgimento,
siccome il verso in cui gira il motore è dato dalla posizione di questa spira mi chiedevo se la suddetta spira è nella spessa posizione nei pacchi lamellari dei motori accoppiati oppure se in un pacco è da una parte e nell'altro dalla parte opposta, per capire se i motori sono accoppiati per avere doppia forza oppure se accoppiati per invertire il senso rotatorio dell'albero finale a seconda se si alimenta una bobina oppure l'altra
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 13.58   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
dopo il ragionamento scritto poco fa , se la spira di rame grosso è ai poli opposti nei due motori, si spiegherebbe il perchè una bobina è più scura cotta dell'altra che è chiara più nuova, una bobina starebbe più alimentata dell'altra girando più a lungo in un verso, ma dalle foto non lo capisco e non conosco ne ricordo il funzionamento esatto di questo motore doppio sul tuo tiro

le spiegazioni logiche sono due, ho maggior potenza con due bobine in parallelo, oppure una bobina fa girare il motore al contrario dell'altra e se è così troverai quella spira rame grosso all'opposto dell'altra , non so se sono riuscito a farmi capire
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 14.03   in risposta a: webmaster in risposta a: webmaster
webmaster ha scritto:
se parli dei gommini che stanno tra il motore e il pannello a cui è fissato, puoi anche fregartene non credo sentirai grande differenza.
se proprio ci vuoi mettere qualcosa puoi comprare un po' di quei gommini da flipper che si usano sui post metallici, non ricordo la dimensione
ma sono i più piccoli che esistono, e sono perfetti per questo uso
credo che lo scopo di questi gommini posti tra il motore e la tavola possano avere due scopi differenti, il primo che non essendo gli accoppiamenti tra motore e ruote fatti in modo preciso e perfetto come si userebbe in meccanica ma l'accoppiamento usa un giusto che due tagli a croce per funzionare anche con assi disassati, i gommini rendendo non totalmente fermi i supporti motore, aiutano ad avere movimenti correttivi in caso di incrocio nei giunti a croce, secondo motivo potrebbe anche essere quello di non trasmettere il rumore direttamente alla tavola che lo amplificherebbe

ciao,
R.
alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 17.35   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
Ti posso garantire che il secondo avvolgimento serve per invertire in senso di marcia.....
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 18.52   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
alexve ha scritto:
Ti posso garantire che il secondo avvolgimento serve per invertire in senso di marcia.....
allora il colore più scuro dell'avvolgimento non dovrebbe preoccupare se più scuro, dopo 50 anni che gira , se quello scuro è il principale che gira, ha tutte le ragioni di essere più scuro ma vedendo la plastica del rocchetto avvolgimento che appare chiara come nuova, quasi sicuramente l'avvolgimento non ha sofferto perchè surriscaldando in modo eccessivo, avrebbe scurito anche il rocchetto a contatto con l'avvolgimento.
Il suggerimento che ti ha dato web di mettere un ventilatore da pc che sbuffa sul motore , soltanto nel caso fosse tanto caldo, è il rimedio migliore e non triboloso.
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 18.57   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
alexve ha scritto:
Ti posso garantire che il secondo avvolgimento serve per invertire in senso di marcia.....
hai capito il perchè un avvolgimento gira in un senso e l'altro avvolgimento nell'altro senso? il senso di rotazione è dato dalla posizione della spira di rame grosso affogato nel pacco lamellare del motore
alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 19.30   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
da quello che ho capito, quando gira in un senso serve per aumentare il punteggio ed anche i colpi che spari (quindi gira sempre in quel senso durante il gioco) , mentre gira nell'altro verso SOLO il tempo necessario per azzerare i punteggi ed i colpi del fucile...

quindi si spiega correttamente quanto da te detto...
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 20.48   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
alexve ha scritto:
da quello che ho capito, quando gira in un senso serve per aumentare il punteggio ed anche i colpi che spari (quindi gira sempre in quel senso durante il gioco) , mentre gira nell'altro verso SOLO il tempo necessario per azzerare i punteggi ed i colpi del fucile...

quindi si spiega correttamente quanto da te detto...

non parlavo del funzionamento dello svolgimento del gioco ma del perchè un motore gira in un senso e l'altro a rovescio, ti spiegavo soltanto il particolare tecnico che distingue i due motori
alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 31-mar-2014 21.29   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
scusa ma sono veramente ignorante in materia, io mi son limitato a dirt icome funziona il gioco,... comunque ho capito, grazie a te, il funzionamento effettivo dei motori e dell'inversione di marcia....

grazie!!!
meglioprimo


Messaggi: 2.156
Registrato: 20-11-13
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 2-apr-2014 21.16   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
alexve ha scritto:
scusa ma sono veramente ignorante in materia, io mi son limitato a dirt icome funziona il gioco,... comunque ho capito, grazie a te, il funzionamento effettivo dei motori e dell'inversione di marcia....

grazie!!!

Ti consiglio di controllare le frizioni di cuoio fra un disco e l'altro, se sono molto sporgenti rispetto al diametro dei dischi metallici significa che si sono stirate perchè non più lubrificate ( col tempo e l'uso sono soggette a questo appiattimento e aumentano l'attrito perciò il motore sforza molto di più quando nessuna ruota segnapunti o sparo è in movimento) la soluzione è di allargare i dischi di metallo e mettere fra disco e frizione un pò di grasso BIANCO, non eccedere altrimenti poi la ruota slitta e non segna i punti giusti, la soluzione ottimale sarebbe quella di smontare tutto l'assemblaggio e inumidire uniformemente col grasso le guarnizioni di cuoio, togliere eventualmente quello in esubero e rimontare il tutto. NON USARE NIENTE DI ABRASIVO PER PULIRE I DISCHI DI ACCIAO, con più sono lucidi e lisci meno attrito fanno. Non usare olio o altri tipi di grasso perchè troppo lubrificanti.
Ciao

ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 3-apr-2014 14.08   in risposta a: meglioprimo in risposta a: meglioprimo
meglioprimo ha scritto:
alexve ha scritto:
scusa ma sono veramente ignorante in materia, io mi son limitato a dirt icome funziona il gioco,... comunque ho capito, grazie a te, il funzionamento effettivo dei motori e dell'inversione di marcia....

grazie!!!

Ti consiglio di controllare le frizioni di cuoio fra un disco e l'altro, se sono molto sporgenti rispetto al diametro dei dischi metallici significa che si sono stirate perchè non più lubrificate ( col tempo e l'uso sono soggette a questo appiattimento e aumentano l'attrito perciò il motore sforza molto di più quando nessuna ruota segnapunti o sparo è in movimento)

Ecco, questo particolare è molto importante e mi era sfuggito, se le frizioni fossero indurite, il motore girando continuamente , avrebbe uno sforzo maggiore che nella regolarità e il buon funzionalento di queste frizioni è importantissimo

la soluzione è di allargare i dischi di metallo e mettere fra disco e frizione un pò di grasso BIANCO, non eccedere altrimenti poi la ruota slitta
In questo passaggio credo avere dei ricordi flebili che contrastano con quello che ha ora scritto Meglioprimo, mi sembra di ricordare che queste frizioni a deschi di cuoio debbano essere asciutte , se dai lubrificanti esse fanno più attrito, il contrario della logica, ma forse sbaglio, mi torna in mente questo particolare perchè alcuni flipper costruiti, avevano le corse dei cani sulla testata e usavamo proprio questo sistema di frizione a cuoio ma asciutte, mi sembra che oliandole venissero più dure, ma non ci giurerei, provi qualcuno che ha i cani in un flipper

e non segna i punti giusti, la soluzione ottimale sarebbe quella di smontare tutto l'assemblaggio e inumidire uniformemente col grasso le guarnizioni di cuoio, togliere eventualmente quello in esubero e rimontare il tutto. NON USARE NIENTE DI ABRASIVO PER PULIRE I DISCHI DI ACCIAO, con più sono lucidi e lisci meno attrito fanno. Non usare olio o altri tipi di grasso perchè troppo lubrificanti.

Ciao
meglioprimo


Messaggi: 2.156
Registrato: 20-11-13
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 3-apr-2014 16.56   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
ilsognodiunavita ha scritto:
meglioprimo ha scritto:
alexve ha scritto:
scusa ma sono veramente ignorante in materia, io mi son limitato a dirt icome funziona il gioco,... comunque ho capito, grazie a te, il funzionamento effettivo dei motori e dell'inversione di marcia....

grazie!!!

Ti consiglio di controllare le frizioni di cuoio fra un disco e l'altro, se sono molto sporgenti rispetto al diametro dei dischi metallici significa che si sono stirate perchè non più lubrificate ( col tempo e l'uso sono soggette a questo appiattimento e aumentano l'attrito perciò il motore sforza molto di più quando nessuna ruota segnapunti o sparo è in movimento)

Ecco, questo particolare è molto importante e mi era sfuggito, se le frizioni fossero indurite, il motore girando continuamente , avrebbe uno sforzo maggiore che nella regolarità e il buon funzionalento di queste frizioni è importantissimo

la soluzione è di allargare i dischi di metallo e mettere fra disco e frizione un pò di grasso BIANCO, non eccedere altrimenti poi la ruota slitta
In questo passaggio credo avere dei ricordi flebili che contrastano con quello che ha ora scritto Meglioprimo, mi sembra di ricordare che queste frizioni a deschi di cuoio debbano essere asciutte , se dai lubrificanti esse fanno più attrito, il contrario della logica, ma forse sbaglio, mi torna in mente questo particolare perchè alcuni flipper costruiti, avevano le corse dei cani sulla testata e usavamo proprio questo sistema di frizione a cuoio ma asciutte, mi sembra che oliandole venissero più dure, ma non ci giurerei, provi qualcuno che ha i cani in un flipper


attenzione non ho scritto oliandole, anche perchè l'olio col tempo sfibra il cuoio, devi usare il grasso bianco, è speciale, l'ho usato per moltissimo tempo nelle frizioni dei bingo elettromeccanici e nei Williams HAYRBURNERS II, mai avuto un problema anzi Williams metteva un tubettino di grasso che sembrava di vaselina nei giochi che avevano delle frizioni però non era di vaselina perchè la vaselina scaldandosi diventa liquida e non va bene, col grasso bianco problema risolto.
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 3-apr-2014 17.27   in risposta a: meglioprimo in risposta a: meglioprimo
meglioprimo ha scritto:
ilsognodiunavita ha scritto:
meglioprimo ha scritto:
alexve ha scritto:
scusa ma sono veramente ignorante in materia, io mi son limitato a dirt icome funziona il gioco,... comunque ho capito, grazie a te, il funzionamento effettivo dei motori e dell'inversione di marcia....

grazie!!!

Ti consiglio di controllare le frizioni di cuoio fra un disco e l'altro, se sono molto sporgenti rispetto al diametro dei dischi metallici significa che si sono stirate perchè non più lubrificate ( col tempo e l'uso sono soggette a questo appiattimento e aumentano l'attrito perciò il motore sforza molto di più quando nessuna ruota segnapunti o sparo è in movimento)

Ecco, questo particolare è molto importante e mi era sfuggito, se le frizioni fossero indurite, il motore girando continuamente , avrebbe uno sforzo maggiore che nella regolarità e il buon funzionalento di queste frizioni è importantissimo

la soluzione è di allargare i dischi di metallo e mettere fra disco e frizione un pò di grasso BIANCO, non eccedere altrimenti poi la ruota slitta
In questo passaggio credo avere dei ricordi flebili che contrastano con quello che ha ora scritto Meglioprimo, mi sembra di ricordare che queste frizioni a deschi di cuoio debbano essere asciutte , se dai lubrificanti esse fanno più attrito, il contrario della logica, ma forse sbaglio, mi torna in mente questo particolare perchè alcuni flipper costruiti, avevano le corse dei cani sulla testata e usavamo proprio questo sistema di frizione a cuoio ma asciutte, mi sembra che oliandole venissero più dure, ma non ci giurerei, provi qualcuno che ha i cani in un flipper

attenzione non ho scritto oliandole, anche perchè l'olio col tempo sfibra il cuoio, devi usare il grasso bianco, è speciale, l'ho usato per moltissimo tempo nelle frizioni dei bingo elettromeccanici e nei Williams HAYRBURNERS II, mai avuto un problema anzi Williams metteva un tubettino di grasso che sembrava di vaselina nei giochi che avevano delle frizioni però non era di vaselina perchè la vaselina scaldandosi diventa liquida e non va bene, col grasso bianco problema risolto.

NON SI FINISCE MAI DI IMPARARE, COS'è ESATTAMENTE IL GRASSO BIANCO
meglioprimo


Messaggi: 2.156
Registrato: 20-11-13
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 3-apr-2014 21.04   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
ilsognodiunavita ha scritto:asciutte, mi sembra che oliandole venissero più dure, ma non ci giurerei, provi qualcuno che ha i cani in un flipper

attenzione non ho scritto oliandole, anche perchè l'olio col tempo sfibra il cuoio, devi usare il grasso bianco, è speciale, l'ho usato per moltissimo tempo nelle frizioni dei bingo elettromeccanici e nei Williams HAYRBURNERS II, mai avuto un problema anzi Williams metteva un tubettino di grasso che sembrava di vaselina nei giochi che avevano delle frizioni però non era di vaselina perchè la vaselina scaldandosi diventa liquida e non va bene, col grasso bianco problema risolto.
NON SI FINISCE MAI DI IMPARARE, COS'è ESATTAMENTE IL GRASSO BIANCO

ti rispondo nella sezione off topic
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 3-apr-2014 21.10   in risposta a: meglioprimo in risposta a: meglioprimo
meglioprimo ha scritto:
ilsognodiunavita ha scritto:asciutte, mi sembra che oliandole venissero più dure, ma non ci giurerei, provi qualcuno che ha i cani in un flipper

attenzione non ho scritto oliandole, anche perchè l'olio col tempo sfibra il cuoio, devi usare il grasso bianco, è speciale, l'ho usato per moltissimo tempo nelle frizioni dei bingo elettromeccanici e nei Williams HAYRBURNERS II, mai avuto un problema anzi Williams metteva un tubettino di grasso che sembrava di vaselina nei giochi che avevano delle frizioni però non era di vaselina perchè la vaselina scaldandosi diventa liquida e non va bene, col grasso bianco problema risolto.
NON SI FINISCE MAI DI IMPARARE, COS'è ESATTAMENTE IL GRASSO BIANCO

ti rispondo nella sezione off topic

ma guarda che spiegare il prodotto usato per la riparazione di un particolare trattato nella discussione non è fuori luogo
sarebbe fuoriluogo se parliamo di come era grassa una bistecca e che sapore aveva , non il tubetto di grasso che è parte del gioco in questione
alexve

Messaggi: 47
Registrato: 19-08-11
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 3-apr-2014 22.47   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
Ecco, intanto vi aggiorno in attesa che nel week abbia un po di tempo per guardare sti dischi di cuoio, dei quali ignoravo l'esistenza e magari mi procuro il mitico grasso bianco!!!
nel frattempo vi allego alcune foto...
1) ho visto che nel pacchetto lamellare del motore sono accoppiati meccanicamente la parte fatta a "C" con una diritta ove c'è l' avvolgimento della bobina.. parrebbe quindi possibile intervenire per l'eventuale sostituzione/rifacimento della stessa...???!!!??? ((pensavo fossero sovrapposte "sfasate" una sull'altra come nei trasformatori... (almeno da quello che mi ricordo)...

2) il rumore ho capito che è provocato dell'indotto/asse (non so se è il termine corretto) diciamo il primo che gira velocemente sul pacchetto lamellare.Infatti dalle foto si vede che uno è praticamente perfetto,l'altro verde da una parte (tipo ossido di rame) e cmq brutto dall'altra parte...

guardate le foto...
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 4-apr-2014 9.08   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
alexve ha scritto:
Ecco, intanto vi aggiorno in attesa che nel week abbia un po di tempo per guardare sti dischi di cuoio, dei quali ignoravo l'esistenza e magari mi procuro il mitico grasso bianco!!!
nel frattempo vi allego alcune foto...
1) ho visto che nel pacchetto lamellare del motore sono accoppiati meccanicamente la parte fatta a "C" con una diritta ove c'è l' avvolgimento della bobina.. parrebbe quindi possibile intervenire per l'eventuale sostituzione/rifacimento della stessa...???!!!???
Vedo che hai voglia di tribolare con il rischio di rompere qualcosa, se il motore va bene non vedo perchè smontarlo a priori per il timore che non vada tra un mese, eventualmente lo farai quando fuma e brucia.
é possibile sfilare il nucleo della bobina dal gruppo motore , dovrai batterlo fuori un poco per parte appoggiando il resto del motore in modo da non alterare la forma, poi lo rimandi dentro, sono cose che si facevano quando occorreva, il montaggio della bobina non ha neppure un verso obbligato , il motore gira nel senso giusto comunque la monti, vedo anche il rocchetto spezzato, capiterà che smontandola lo frantumi totalmente, vedi te, il rame con il suo colore scuro non deve preoccuparti, è soltanto abbronzato ma non pregiudica nulla, se fosse da cambiare te ne accorgi quando in funzione ca inizierai a sentire odore di bruciato, allora potrai iniziare a tribolare

((pensavo fossero sovrapposte "sfasate" una sull'altra come nei trasformatori... (almeno da quello che mi ricordo)...
non ho capito questa ultima frase del sovrapposto e trasformatore

2) il rumore ho capito che è provocato dell'indotto/asse (non so se è il termine corretto) diciamo il primo che gira velocemente sul pacchetto lamellare.Infatti dalle foto si vede che uno è praticamente perfetto,l'altro verde da una parte (tipo ossido di rame) e cmq brutto dall'altra parte...

guardate le foto...

Il verde non dice nulla è soltanto ossidato esternamente, se fa rumore mentre gira e l'altro girando non fa quel rumore, sarà il rotore che gira male o sfrega da qualche parte, non so con cosa potresti pulirlo con quegli spray che disossidano ma non ungono, devi capire se il rumore lo fa il motore anche tendolo in mano oppure se si amplifica quando avvitato alla tavola, i gommini di fissaggio potrebbero avere anche lo scopo di attutire rumori di vibrazioni, comunque se uno fa rumore e il secondo no, qualcosa c'è che va male
meglioprimo


Messaggi: 2.156
Registrato: 20-11-13
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 4-apr-2014 10.44   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
ilsognodiunavita ha scritto:
alexve ha scritto:
Ecco, intanto vi aggiorno in attesa che nel week abbia un po di tempo per guardare sti dischi di cuoio, dei quali ignoravo l'esistenza e magari mi procuro il mitico grasso bianco!!!
nel frattempo vi allego alcune foto...
1) ho visto che nel pacchetto lamellare del motore sono accoppiati meccanicamente la parte fatta a "C" con una diritta ove c'è l' avvolgimento della bobina.. parrebbe quindi possibile intervenire per l'eventuale sostituzione/rifacimento della stessa...???!!!???
Vedo che hai voglia di tribolare con il rischio di rompere qualcosa, se il motore va bene non vedo perchè smontarlo a priori per il timore che non vada tra un mese, eventualmente lo farai quando fuma e brucia.
é possibile sfilare il nucleo della bobina dal gruppo motore , dovrai batterlo fuori un poco per parte appoggiando il resto del motore in modo da non alterare la forma, poi lo rimandi dentro, sono cose che si facevano quando occorreva, il montaggio della bobina non ha neppure un verso obbligato , il motore gira nel senso giusto comunque la monti, vedo anche il rocchetto spezzato, capiterà che smontandola lo frantumi totalmente, vedi te, il rame con il suo colore scuro non deve preoccuparti, è soltanto abbronzato ma non pregiudica nulla, se fosse da cambiare te ne accorgi quando in funzione ca inizierai a sentire odore di bruciato, allora potrai iniziare a tribolare

((pensavo fossero sovrapposte "sfasate" una sull'altra come nei trasformatori... (almeno da quello che mi ricordo)...
non ho capito questa ultima frase del sovrapposto e trasformatore


Giuliano mi permetto di contraddirti, se la bobina la capovolgi il motore gira dalla parte contraria, infatti montano 2 bobine per fare l'inversione una lo fa girare a dx e l'altra a sx

2) il rumore ho capito che è provocato dell'indotto/asse (non so se è il termine corretto) diciamo il primo che gira velocemente sul pacchetto lamellare.Infatti dalle foto si vede che uno è praticamente perfetto,l'altro verde da una parte (tipo ossido di rame) e cmq brutto dall'altra parte...

il colore del rotore è dato dal surriscaldamento che subisce durante il funzionamento, siccome nel rotore ci sono degli inserti in rame rimanendo fermo si è ossidato, niente di preoccupante, il rumore però può essere provocato o dall'ossido nella parte esterna del rotore che sfrega nel pacco lamellare o da un disassamento del pacco lamellare, la prima causa la togli scaldando il rotore col phon e quando è caldo soffiare con il compressore, il caldo dilata, l'aria fredda restringe velocemente e l'ossido si polverizza e va via col getto d'aria. Nel caso invece sia disassato il sistema empirico è fare girare il motore e con un piccolo martello dare dei colpetti (leggeri mi raccomando) sul pacco lamellare in modo che il rotore trovi automaticamente il suo centro perfetto, devi però prima verificare che il pacco lamellare sia fisso, perciò stretto bene, dai 2 canotti in ottone all'interno dei supporti di alluminio, se sono lenti bisogna prima ribattere questi due canotti, il martello va usato con parsimonia, piccoli colpetti e non martellate, Ciao
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 4-apr-2014 11.25   in risposta a: meglioprimo in risposta a: meglioprimo
Giuliano mi permetto di contraddirti, se la bobina la capovolgi il motore gira dalla parte contraria, infatti montano 2 bobine per fare l'inversione una lo fa girare a dx e l'altra a sx


NON è COSì, LA BOBINA LA PUOI METTERE COME VUOI, IL SENSO DI MARCIA è DATO DA QUELLA SPIRA DI RAME AFFOGATA NEL PACCO LAMELLE , DALLE FOTO NON SI VEDE BENE MA CREDO CHE SE L'AMICO AVEVA SEGUITO LA DISCUSSIONE QUANDO GLI CHIEDEVO LA POSIZIONE DI QUESTA SPIRA DI RAME GROSSO NEL PACCO LAMELLARE DOVREBBE VEDERLA BENE, IN PRATICA I DUE MOTORI GIRANDO AL CONTRARIO, DOVREBBERO AVERE QUESTA SPIRA IN POSTI DIFFERENTI.

in pratica questi motori quando li alimenti ronzano senza girare, se tu gli dai una spintarella, inizia a girare continuando nel verso della spintarella e questo verso non dipende dal senso delle spire avvolgimento.
per rendere automatico il movimento,senza spintarella, viene messa questa spira di rame grosso nel pacco lamellare e in base a dove la posizioni, in quale dei due poli del pacco, quando dai corrente,questa spira opponendosi al flusso che l'ha generata da una spinta al rotore che inizia a girare.

almeno credo sia così

meglioprimo


Messaggi: 2.156
Registrato: 20-11-13
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 4-apr-2014 17.49   in risposta a: alexve in risposta a: alexve
alexve ha scritto:
Ecco, intanto vi aggiorno in attesa che nel week abbia un po di tempo per guardare sti dischi di cuoio, dei quali ignoravo l'esistenza e magari mi procuro il mitico grasso bianco!!!
nel frattempo vi allego alcune foto...
1) ho visto che nel pacchetto lamellare del motore sono accoppiati meccanicamente la parte fatta a "C" con una diritta ove c'è l' avvolgimento della bobina.. parrebbe quindi possibile intervenire per l'eventuale sostituzione/rifacimento della stessa...???!!!??? ((pensavo fossero sovrapposte "sfasate" una sull'altra come nei trasformatori... (almeno da quello che mi ricordo)...

2) il rumore ho capito che è provocato dell'indotto/asse (non so se è il termine corretto) diciamo il primo che gira velocemente sul pacchetto lamellare.Infatti dalle foto si vede che uno è praticamente perfetto,l'altro verde da una parte (tipo ossido di rame) e cmq brutto dall'altra parte...

guardate le foto...

Ho visto bene solo adesso la parte interna del rotore, è ridotto maluccio, ti consiglio di pulirlo MOLTO BENE ...non inumidirlo nè usare spray, fallo a secco altrimenti quello che togli si impasta e peggiori la situazione, usa una piccola spazzola metallica, ci sono quelle della DREMEL in diverse forme poi quando è pulito soffia bene il tutto e metti un po di grasso bianco nelle due estremità dell'albero dove entra nelle boccole, controlla che non ci siano residui di ossido attaccati ai denti degli ingranaggi, devi agire come in sala operatoria tutto ascettico. Ciao

ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 4-apr-2014 17.51   in risposta a: meglioprimo in risposta a: meglioprimo
meglioprimo ha scritto:
alexve ha scritto:
Ecco, intanto vi aggiorno in attesa che nel week abbia un po di tempo per guardare sti dischi di cuoio, dei quali ignoravo l'esistenza e magari mi procuro il mitico grasso bianco!!!
nel frattempo vi allego alcune foto...
1) ho visto che nel pacchetto lamellare del motore sono accoppiati meccanicamente la parte fatta a "C" con una diritta ove c'è l' avvolgimento della bobina.. parrebbe quindi possibile intervenire per l'eventuale sostituzione/rifacimento della stessa...???!!!??? ((pensavo fossero sovrapposte "sfasate" una sull'altra come nei trasformatori... (almeno da quello che mi ricordo)...

2) il rumore ho capito che è provocato dell'indotto/asse (non so se è il termine corretto) diciamo il primo che gira velocemente sul pacchetto lamellare.Infatti dalle foto si vede che uno è praticamente perfetto,l'altro verde da una parte (tipo ossido di rame) e cmq brutto dall'altra parte...

guardate le foto...

Ho visto bene solo adesso la parte interna del rotore, è ridotto maluccio, ti consiglio di pulirlo MOLTO BENE ...non inumidirlo nè usare spray, fallo a secco altrimenti quello che togli si impasta e peggiori la situazione, usa una piccola spazzola metallica, ci sono quelle della DREMEL in diverse forme poi quando è pulito soffia bene il tutto e metti un po di grasso bianco nelle due estremità dell'albero dove entra nelle boccole, controlla che non ci siano residui di ossido attaccati ai denti degli ingranaggi, devi agire come in sala operatoria tutto ascetico. Ciao

insegni troppo bene, attento, ti ruberanno il mestiere
meglioprimo


Messaggi: 2.156
Registrato: 20-11-13
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 4-apr-2014 18.03   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
ilsognodiunavita ha scritto:
Giuliano mi permetto di contraddirti, se la bobina la capovolgi il motore gira dalla parte contraria, infatti montano 2 bobine per fare l'inversione una lo fa girare a dx e l'altra a sx

NON è COSì, LA BOBINA LA PUOI METTERE COME VUOI, IL SENSO DI MARCIA è DATO DA QUELLA SPIRA DI RAME AFFOGATA NEL PACCO LAMELLE , DALLE FOTO NON SI VEDE BENE MA CREDO CHE SE L'AMICO AVEVA SEGUITO LA DISCUSSIONE QUANDO GLI CHIEDEVO LA POSIZIONE DI QUESTA SPIRA DI RAME GROSSO NEL PACCO LAMELLARE DOVREBBE VEDERLA BENE, IN PRATICA I DUE MOTORI GIRANDO AL CONTRARIO, DOVREBBERO AVERE QUESTA SPIRA IN POSTI DIFFERENTI.

in pratica questi motori quando li alimenti ronzano senza girare, se tu gli dai una spintarella, inizia a girare continuando nel verso della spintarella e questo verso non dipende dal senso delle spire avvolgimento.
per rendere automatico il movimento,senza spintarella, viene messa questa spira di rame grosso nel pacco lamellare e in base a dove la posizioni, in quale dei due poli del pacco, quando dai corrente,questa spira opponendosi al flusso che l'ha generata da una spinta al rotore che inizia a girare.

almeno credo sia così


Ma a me sembra di ricordare che la prima volta che ho riparato un motore, dopo averlo smontato tutto ,l'ho rimontato con il pacco al contrario, logicamente il rotore no perchè ha il verso obbligato dall'ingranaggio, a parte i poli di saldatura che erano in basso, però il motore girava a rovescio, o meglio non girava, faceva solo il tentativo perchè le camme hanno una direzione di rotazione. Forse è successo 50 anni fa quindi potrebbe essere che scantono......Ecco questo è un quesito che chi è esperto di motori elettrici potrebbe illuminarci entrambi Ciao
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 4-apr-2014 18.47   in risposta a: meglioprimo in risposta a: meglioprimo
la bobina di questo motore ma anche dei flipper , è alimentata a corrente alternata e quando gli dai tensione la bobina genera un flusso magnetico che segue le 50 frequenze onda sopra onda sotto, questo fa in modo che il flusso magnetico generato non ha polarità , è soltanto variabile seguendo i valori della sinusoide.

Se tu prendessi questo motore e gli togliessi quella o quelle spire di rame grosso affogata nei lamierini, e poi lo alimenti, il motore non gira e il rotore tremerebbe seguendo il vai e vieni della frequenza sinusoidale, perciò il rotore starà fermo, ma se tu gli dai una spinta a girare, il rotore inizierà a girare e non ha un verso di rotazione obbligato ma se gli dai la spinta oraria girerà orario e antioraria girerà in senso antiorario.

Nei motori per fare in modo che si avviino e girino quando li alimenti, deve esserci un altro avvolgimento supplementare che provvede alla spinta iniziale, questo avvolgimento , che nel nostro non c'è, deve generare un campo magnetico sfasato 90° rispetto a quello generato dall'avvolgimento che abbiamo, per fare questo si mette un condensatore elettrolitico in serie a questo secondo avvolgimento di avvio che provvede a sfasare do 90° il flusso magnetico, in questo caso con due avvolgimenti, il senso della rotazione dipende anche da come si alimentano i due avvolgimenti.

Nel nostro caso non abbiamo il secondo avvolgimento di avvio e qualcuno si è accorto che questo avviamento si aveva anche affogando una o due spire di rame di sezione grossa nel pacco lamierini,

Il pacco lamierini motore , dove gira centrato il rotore, non è tutto unito a cerchio, ma è a due semicerchi divisi separati, se tu metti queste spire di rame grosso nelle posizioni giuste, vedi il motore, questa spira affogata nel ferro fa da circuito di avviamento e provvederà a dare la spinta e far girare il motore nel senso di dove l'hai posizionata, è la posizione di questa spira che farà girare il motore destro o sinistro, la bobina la puoi girare come ti pare.

Quando tu dici che in passato hai montato qualche motore che avevi smontato e ti girava a rovescio, non dipendeva del verso di montaggio della bobina, MA AVEVI MONTATO SOTTOSOPRA l'intero pacco lamelle bobina, essendo uguale in entrambi i lati, lo puoi montare come vuoi ma il senso di rotazione risulterà invertito proprio perchè la spira di rame nel tuo caso era passata nella posizione opposta e il verso motore seguiva la spira.

TI FACCIO UN ESEMPIO CHE TROPPO ASSURDO NON è MA NON L'HO MAI VISTO IN PRATICA

Se tu prendessi il nostro motore e lo facessi con quella spira o spire di cui parliamo messe ai due poli del pacco lamellare, e queste spire fossero non chiuse in corto ad anello , ma fossero aperte e ciascuna spira si chiudesse comandata da due relè. ciascun relè chiude una delle due spire, potresti provare tre condizioni differenti del suo comportamento

i due relè non eccitati spire aperte, tu alimenti il motore e questo ronza ma sta fermo non gira

ecciti il relè 1 e dai corrente al motore , questo gira a sinistra

Nel nostro tiro, i motori sono identici sia come avvolgimento che come posizione della spira grossa, quando li hanno accoppiati li hanno montati ribaltando al posizione in modo che le spire grosse di ciascun motore si trovino all'opposto come posizione.

Queste sono soltanto mie deduzioni e non ho mai fatto la prova ma non può essere che così, vediamo de qualcuno può fare la prova oppure trova su internet il funzionamento, io ho cercato ma solitamente non trovo l'acqua al mare, questo è un compito per Patrik, attivati.

ecciti il relè 2 e dai corrente al motore, questo gira a destra

webmaster


Messaggi: 13.517
Registrato: 23-08-07
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 4-apr-2014 21.59   in risposta a: ilsognodiunavita in risposta a: ilsognodiunavita
ilsognodiunavita ha scritto:
ma guarda che spiegare il prodotto usato per la riparazione di un particolare trattato nella discussione non è fuori luogo

meglioprimo 1 - sognodiunavita 0
ilsognodiunavita


Messaggi: 18.646
Registrato: 16-03-09
Re: consiglio su tiro elettromeccanico fine anni 60
Postato: 4-apr-2014 22.02   in risposta a: webmaster in risposta a: webmaster
webmaster ha scritto:
ilsognodiunavita ha scritto:
ma guarda che spiegare il prodotto usato per la riparazione di un particolare trattato nella discussione non è fuori luogo

meglioprimo 1 - sognodiunavita 0

era fuori luogo il grasso oppure il ragionamento sui motori?


VecchiFlipper forum © 2010